Biogelateria: una scelta etica e buona

biogelateriaIn un precedente articolo vi abbiamo spiegato le caratteristiche dei prodotti biologici,
oggi vogliamo raccontarvi perché Biogelateria ha scelto di adottare solo materie prime biologiche e di essere 100% gluten free.

La Tuttovo, dispone di due brand importanti: “natura è piacere” per la linea di salse bio senza glutine e vegan, e “biogelateria” per la linea dei gelati bio e senza glutine e vegan e da quasi vent’anni, è certificata bio e senza glutine.

L’attenzione per il biologico nasce dall’esperienza personale del fondatore di Tuttovo, Claudio Fantolino, che da giovanissimo si è avvicinato al mondo della macrobiotica, scoprendo e amando il cibo biologico, fino a diventarne un operatore.

La conversione aziendale al biologico è coincisa con la decisione di produrre cibi senza glutine. La conoscenza diretta dei problemi legati all’intolleranza al glutine ha orientato l’azienda ad una rigorosa attenzione nella scelta delle materie prime e nel controllo del processo produttivo.

Tutte le salse e i gelati sono, infatti, rigorosamente senza glutine, e anche i coni della gelateria sono senza glutine!

Lo slogan aziendale: “Buono, sano e giusto” è perfettamente attinente a tutto il mondo biologico. La Tuttovo, infatti, fonda la sua produzione seguendo:

A. Il Regolamento (CE) N. 834/2007 relativo al biologico che ha questo incipit:
“La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali,
l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali….”

B. Uno tra i concetti più importanti della zootecnia biologica: la creazione di un ambiente che si adatti alle specie animali che ci vivono.

  • All’interno di questo concetto ci sono alcune pratiche comuni, tra le quali:
  • Accesso permanente all’aria aperta
  • Cibo appropriato ai bisogni nutrizionali e comportamentali
  • Divieto della catena o dell isolamento
  • Giacigli e stalle adeguate
  • Basso carico di bestiame
  • Limitare i tempi di trasporto
  • Un principio biologico generale proibisce pavimenti grigliati per le aree di riposo

L’allevamento biologico vieta la rimozione o la riduzione di:

  • Code – da pecore, maiali, etc.
  • Becchi – da galline, tacchini, etc.
  • Corna – da bovini, pecore etc.

La nuova regolamentazione europea sull’agricoltura biologica fa direttamente riferimento alle pratiche di zootecnia in diversi punti, incluso questo: il personale che si occupa degli animali dovrebbe avere le conoscenze di base e l’esperienza necessaria per la salute e i fabbisogni di benessere animale.

L’agricoltura biologica sottolinea che il dolore e la sofferenza devono essere ridotti al minimo durante tutta la vita dell’animale.
Quindi, i tempi di trasporto sono strettamente controllati e il metodo di macellazione è studiato per essere il più veloce e indolore possibile.

C. La tabella n. 4 del Regolamento CE 889/2008  del biologico che rappresenta, cosa significa realmente il “benessere animale” nel bio.

Da sempre attenta alle intolleranze alimentari e alle esigenze di tutti i consumatori, nel 2014, Biogelateria ha ottenuto la certificazione VeganoOK per 6 dei 14 gusti prodotti, oltre ai frappè con il latte di soia.

La Tuttovo è una realtà molto piccola, ma di gente appassionata, che crede in quello che fa e come lo fa, che non antepone mai il business alle scelte etiche e di correttezza professionale.